Crea sito

Brandon Taylor, il play che piace tanto a Forlì e non solo

La Pallacanestro Forlì 2.015 dopo aver ingaggiato Lorenzo Benvenuti, Klaudio Ndoja e Davide Bruttini è ora alla ricerca dei due americani per completare il quintetto che sarà ai nastri di partenza per la stagione 2019/20. L’idea è quella di completare il roster con un playmaker ed una guardia, in questo caso Marini giocherebbe nello spot di 3, oppure con play/guardia ed un’ala piccola, in questo caso Marini giocherebbe nello spot di 2.

In questi giorni è circolata la voce di un forte interessamento per il play Brandon Taylor, lo scorso anno a Bergamo proprio con coach Dell’Agnello, che aveva da poco siglato un accordo con lo Scandone Avellino fortemente voluto da Nicola Alberani. La crisi che ha coinvolto la Sidigas e che ha visto Avellino ripartire dalla Serie B ha di fatto rimesso sul mercato lo statunitense di West Hollywood classe 1994 che però ha su di sé gli occhi di diversi club anche di Serie A.

Chi è Brandon Taylor

Brandon Taylor nasce a West Hollwood l’8 gennaio 1994 ed è un prodotto Pacific Hills High School. Inizia la sua carriera tra le fila della Utah Utes a Salt Lake City dove gioca dal 2012 al 2016. Nella stagione successiva si trasferisce in Europa all’Alba Fehérvar nel campionato ungherese dove resta un solo anno. Nella stagione 2017/18 passa al C.S.A. Steaua Bucarest nella massima serie rumena per arrivare l’annata appena conclusa a Bergamo sotto la guida tecnica di Sandro Dell’Agnello dove chiude la sua brillantissima stagione con un 17.2 punti di media e il 39% dall’arco in 28 presenze.

Taylor ai tempi dell’Università – foto ecodibergamo.it

Taylor, ragazzo decisamente più maturo dei suoi 25 anni, è un atleta molto competitivo e con una buona propensione al gioco. Possiede un gran tiro dalla distanza, il suo 39% in stagione sono un bel biglietto da visita, ed un gran palleggio, arresto e tiro. E’ molto attento alla fase difensiva dove grazie alla sua rapidità, agevolata dai suoi 178 cm, ha un’ottima propensione a rubar palla. La sua statura può apparentemente sembrare un limite ma la sua competitività gli consente di non subire troppo gli avversari più “fisicati”. Dopo l’esperienza di Bergamo e la conoscenza del nostro campionato può essere considerato un giocatore eccellente per la Serie A2.

Taylor la scorsa stagione a Bergamo con 17.2 pt. di media – foto pianetabasket.com

L’ex Bergamo piace tantissimo all’Unieuro e a coach Dell’Agnello che lo ha avuto e lo conosce, ma la sua “esplosione” ha inevitabilmente fatto esplodere l’attenzione di tanta parte degli addetti ai lavori su di lui. Se Forlì riuscirà ad assicurarsi questo playmaker avrà fatto davvero un grandissimo colpo.

Pubblicato da Luca Gramellini

Scrivere è sempre stata una passione. Essere apprezzati dipende da noi stessi ma resta un privilegio. Non smettete mai di cullare i vostri sogni. Credeteci sempre e lottate per raggiungerli. Credete in voi stessi. I sogni si avverano.