È la Champions la medicina per la Juventus

Al new stadium di Malmö i bianconeri passano con un rotondo 3-0 grazie alle reti di Alex Sandro, Dybala e Morata

Dopo un avvio di campionato a dir poco agghiacciante gli uomini di mister Allegri, schierati come a Napoli col classico 4-4-2, cercano un successo per far svoltare immediatamente la stagione.

Dopo un inizio di studio da parte di entrambe le squadre al 10′ occasione clamorosa per Paulo Dybala che solo davanti a Diawara calcia scoordinato sopra la traversa. L’occasione sveglia la Juventus che comincia a prendere il pallino del gioco costringendo il Malmö a preoccuparsi della fase difensiva.

Al 17′ i padroni di casa mettono il naso nella metà campo bianconera e arrivano alla conclusione, alta sopra la traversa, con Colak. Ma al 22′ la Juve passa con Alex Sandro che da dentro l’area di rigore insacca di testa un cross dalla destra di Cuadrado spizzato sempre di testa da Bentancur.

Al 28′ Bonucci illumina con un lancio di 40 metri a pescare l’ottimo inserimento di Alex Sandro che con un controllo a seguire si costruisce l’occasione per la doppietta personale, ma il tiro finisce di pochi centimetri alla sinistra di Diawara. Juventus in controllo e con Morata, ottimamente servito da Locatelli, a sfiorare il raddoppio al 32′.

Da segnalare al 36′ il curioso coro “Vaffa.. vaffa..” dei tifosi svedesi tutto in italiano segno che il processo di globalizzazione sta facendo il suo corso. Al 38′ un bel duetto Morata-Locatelli porta quest’ultimo alla conclusione che però finisce a lato.

Al 43′ la Juve, dopo un buon periodo di possesso palla nel quale il Malmö non la vede mai, trova un calcio di rigore per un atterramento ai danni di Morata ottimamente servito da Danilo. Dal dischetto calcia capitan Dybala che realizza il 2-0 per i suoi. Ma non è finita perché nel minuto di recupero, sugli sviluppi di un rinvio di Szczesny, Morata, servito da Rabiot, fissa il punteggio sullo 0-3 battendo Diawara in uscita.

La inizia senza cambi e con un Dybala che sembra abbastanza ispirato. La prima occasione è di marca svedese con Christiansen che calcia però altissimo sopra la traversa. Al 52′ la risposta bianconera con Morata che calcia fuori dallo specchio a seguito di un’azione corale ottimamente gestita sin dalle fondamenta con Bonucci e de Ligt autori di una buona prestazione.

Al 62′ una bellissima ripartenza della Juventus confezionata da Morata, Cuadrado e Dybala porta alla conclusione lo spagnolo a cui si oppone il portiere svedese, ma la sensazione che sia tutta un’altra Juve è tangibile nonostante la non certo irresistibile forza dell’avversario.

Al 67′ doppio cambio per Allegri che manda inserisce Kean e McKennie al posto di Morata e Bentancur. Al 69′ sinistro a giro di Dybala contenuto da Diawara e al 70′ bel gol di Kean annullato per un fuorigioco millimetrico ma corretto.

La partita scivola verso il 90° con la Juventus in totale controllo. La classica partita resa facile grazie ad una prestazione comunque di sostanza e priva di particolari sbavature al netto di un divario tecnico tra le due compagini certamente importante. Una perla la giocata di tacco proprio allo scadere di Kulusevski, da poco entrato, per Kean che spara sui piedi di Diawara.

Da evidenziare la prestazione di tutto il reparto difensivo e di un Szczesny sicuro come non lo si vedeva da tempo.

La preparazione al big match di domenica sera all’Allianz Stadium contro il Milan è già iniziata ed è iniziata nel migliore dei modi. L’auspicio è che la stagione dei bianconeri abbia avuto realmente inizio da questa serata al New Stadium di Malmö.

Pubblicato da Luca Gramellini

Scrivere è sempre stata una passione. Essere apprezzati dipende da noi stessi ma resta un privilegio. Non smettete mai di cullare i vostri sogni. Credeteci sempre e lottate per raggiungerli. Credete in voi stessi. I sogni si avverano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.