Juventus, la sesta vale il terzo posto

LA JUVENTUS SALUTA IL 2022 CALCISTICO CON UN SECCO 3-0 FIRMATO DOPPIO KEAN E MILIK. ALLEGRI STRAVINCE IL DUELLO DELLA PANCHINA CON SARRI

La Juventus dopo il filotto di 5 vittorie consecutive cerca il sesto successo anche per scalare ulteriori posizioni in classifica. A rendere l’impresa difficile c’è la Lazio di Maurizio Sarri che precede i bianconeri di 2 punti in classifica.

Negli ultimi 10 precedenti tra Juventus e Lazio all’Allianz Stadium i bianconeri hanno vinto 7 volte, pareggiato 2, mentre la Lazio è uscita corsara soltanto in una circostanza, nel 2017/18.

Max Allegri insiste col 3-5-2 con Gatti preferito a Bonucci, lo stesso centrocampo delle ultime uscite e Kean confermato a supporto di Milik. Sarri risponde col suo consueto 4-3-3 nel quale non figura, nemmeno in panchina, Ciro Immobile rimasto nella capitale.

Buon inizio della Juventus che cerca subito di imporsi sulla Lazio cercando continui cambi di fascia e al 5′ è già tempo di una ghiotta opportunità per Kean che dopo una bella discesa sulla sinistra mette i brividi a Provedel con un diagonale fuori di poco.

Al 10′ bellissima azione manovrata e in velocità dei bianconeri che arrivano alla conclusione con Fagioli dai 16 metri, su appoggio di Kostic, ma Provedel bocca in due tempi. I biancocelesti non riescono a produrre trame di gioco per rendersi pericolosi grazie all’attenta fase difensiva dei bianconeri.

Al 18′ aggancio volante e conclusione a giro di sinistro dal limite di Milik che sfiora uno dei gol più belli che questo campionato avrebbe visto di qui alla fine. Al 25′ errore tecnico di Gatti che gli costa un intervento in ritardo e relativo cartellino giallo.

Al 26′ il giallo è per Bremer, decisamente severo da parte dall’arbitro Massa, che al 27′ ammonisce Milinkovic-Savic reo di una fallo su una ripartenza. Al 40′ la prima conclusione ospite con Pedro che dalla distanza sfiora la traversa anche grazie ad una deviazione avversaria.

Al 42′, quando ormai le squadre sembrano destinate al riposo, Rabiot ruba palla a metà campo a Milinkovic-Savic e offre un assist perfetto a Kean che, da appena fuori dall’area di rigore, scavalca il numero uno biancoceleste con un pallonetto millimetrico e porta in vantaggio la Juventus.

La ripresa comincia senza sostituzioni e una Juventus convinta e decisa a cercare il raddoppio. Al 48′ Provedel deve opporsi a terra su una velenosa conclusione di Milik e poco secondo dopo è Locatelli a provarci da fuori con un destro centrale.

Al 51′ la risposta biancoceleste con Pedro che sfrutta un errore di Cuadrado e s’invola sulla destra ma è lo stesso colombiano a rimediare in angolo. Sul capovolgimento di fronte Locatelli pesca Kostic il cui diagonale da fuori vale la ribattuta di Provedel e il tap-in vincente di Kean per la doppietta personale e il 2-0 Juventus.

Al 60′ si fa viva la Lazio con Luis Alberto appena entrato in campo in traduzione di Cataldi che dal dischetto trova Szczesny reattivo a negargli la gloria personale. Al 62′ standing ovation per Moise Kean che lascia il terreno di gioco per Di Maria.

Al 64′ Kostic chiede il cambio e Allegri getta nella mischia Federico Chiesa. Sarri risponde al 68′ con Cancellieri e Gila per Romero e Hysaj.

Al 71′ bellissima iniziativa di Cuadrado sulla sua zona di competenza e diagonale insidioso che Peovedel devia di piede. In campo la Juventus è più feroce e lo dimostra con Di Maria che al 74′ in pressione su Gila offre a Milik una nuova ghiotta opportunità che il portiere biancoceleste respinge in tuffo a terra.

Al 77′ Sarri richiama il sergente e inserisce Marcos Aurelio alla ricerca di nuove geometrie. Al 84′ standing ovation anche per Locatelli, partita eccellente la sua, che l’abbia il sio posto a Paredes. Al 89′ bellissima azione corale Di Maria, Chiesa e Milik che da due passi sfrutta l’assist dell’ex viola per la rete del 3-0.

La partita termina con il successo meritato degli uomini di Allegri che continuano la loro rincorsa con la sesta vittoria consecutiva ed il sesto clean sheet consecutivo. La Juventus, dopo un disastroso avvio di stagione, è tornata a pensare alle posizioni alte della classifica.

Da stasera il campionato osserverà la pausa per i Mondiali e alla ripresa a gennaio potrebbe essere tutto un altro campionato.

Pubblicato da Luca Gramellini

Scrivere è sempre stata una passione. Essere apprezzati dipende da noi stessi ma resta un privilegio. Non smettete mai di cullare i vostri sogni. Credeteci sempre e lottate per raggiungerli. Credete in voi stessi. I sogni si avverano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.