Crea sito

La Juventus ribaltata ancora, è l’Udinese a fare festa

Alla Dacia Arena finisce 2-1 e la festa scudetto è rinviata. Festeggia invece l’Udinese che vincendo vede il traguardo salvezza.

Udine per la Juventus evoca dolci ricordi. Non questa sera, decisamente no. Maurizio Sarri manda in campo i suoi con il solito 4-3-3 mascherato dalla presenza di Bernardeschi che in fase di non possesso arretra sulla linea mediana. In campo Danilo e non Cuadrado, ex del match, confermato Ramsey e Rugani al posto dello squalificato Bonucci.

Il 1° tempo è gradevole anche se non offre grandi spunti di rilievo, ma la Juventus mostra una faccia decisa nel palleggio e nel voler condurre le danze. Ramsey è sciagurato dopo appena 30″ nel prendersi un cartellino giallo per un fallo davvero senza senso. È dell’Udinese la prima occasione clamorosa anche se l’autore del palo non è né Okaka, né Nestorovsky, bensì Danilo che devìa di testa un cross dall’out di sinistra della formazione friulana. Dopo un sostanziale equilibrio, con prevalenza di possesso palla degli uomini di Sarri, ci pensa il più giovane giocatore in campo, Matthijs de Ligt, a sbloccare la situazione con un gran tiro da fuori area e mandare la Juventus al riposo avanti per 1-0.

Bene Rabiot che si conferma in crescita mentre Ramsey continua nella sua quasi inspiegabile latitanza.

La ripresa riparte con l’Udinese determinata a raddrizzare l’incontro e al 51′ Nestorovsky con un gran gol in tuffo di testa raggiunge il pari. Malissimo Alex Sandro che nella circostanza si fa completamente sorprendere e trovare in clamoroso ritardo di posizione. Matuidì per un evanescente Ramsey e Douglas Costa per uno spento Bernardeschi sono le prime mosse di Sarri per arginare la supremazia dei friulani. Dentro anche Cuadrado per Danilo ma nonostante un ritrovato equilibrio la situazione resta congelata sul pari. Tra i padroni di casa da segnalare l’ottima prestazione di De Paul. Quando ormai il match sembrava avviato al pari i padroni di casa hanno agguantato un grande successo col gol al 91′ di un debordante Fofana.

Finisce con la vittoria dell’Udinese, a un passo dalla salvezza, e Madama costretta a rinviare la festa scudetto. Domenica sera all’Allianz Stadium arriverà la Sampdoria. Bene Rabiot, sempre presente Bentancur e menzione speciale per De Ligt che gioca costantemente con una spalla che dovrà essere operata. Anche stasera però resta l’ennesima occasione gettata al vento dagli uomini di Maurizio Sarri che evidenziano il fatto di non poter gestire le partite senza mantenere i ritmi alti.

Pubblicato da Luca Gramellini

Scrivere è sempre stata una passione. Essere apprezzati dipende da noi stessi ma resta un privilegio. Non smettete mai di cullare i vostri sogni. Credeteci sempre e lottate per raggiungerli. Credete in voi stessi. I sogni si avverano.