Crea sito

Unieuro, serata Flan…tastica

Forlì era decisamente spalle al muro e aveva bisogno di una serata cuore e grinta per non deludere una piazza che in questi anni ha riposto nella squadra la propria fiducia incondizionata. Serviva una serata speciale per risollevare morale e serie di Playoffs . Con una partenza a razzo la squadra di coach Nicola ha messo subito i puntini sulle “i” facendo capire all’avversario che l’Unieuro Arena sa essere caldo e determinante come il miglior sesto uomo.

MVP

Miglior giocatore della serata indubbiamente Pierpaolo Marini capace di sfoderare una prestazione stile prima parte di stagione con 24 punti, 5/7 da due, 3/6 da tre, 5/5 dalla lunetta, 5 rimbalzi, 3 assist, 1 persa e 1 stoppata con 31 di valutazione in 28′ di gioco. Primo tempo con giocate da assoluto fuoriclasse della categoria che hanno eluso e mandato in tilt la difesa pur “sporca” di una Rieti tanta garra e grinta.

Pierpaolo Marini Mvp della serata – foto Nicolò Ulivi

Menzione speciale

Ma una menzione speciale vogliamo regalarla a Franco Flan, giovane sedicenne forlivese, gettato nella mischia da Nicola perché evidentemente più di chiunque altro incarna lo spirito e la “garra” argentina tanto cara al nostro coach. Per lui 11′ di continuo “entra ed esci” in cui ha mostrato personalità, grinta e tanta abnegazione difensiva conditi da una bomba, 2 rimbalzi, 2 assist, 1 persa e 2 recuperi. Serata davanti agli oltre 3.000 dell’Unieuro Arena che il ragazzo ricorderà a lungo e che vogliamo definire per lui, ma non solo, una serata Flan..tastica.

Il giovane Flan in azione – foto Nicolò Ulivi

Considerazioni

Gara 3, chiusa con il punteggio di 89-64, ha confermato le sensazioni emerse nel corso dei primi due match della serie, ovvero che Rieti è una squadra con “zero” talento e pochissimi punti nelle mani, ma è altresì una squadra che gioca una pallacanestro “sporca” che nel gergo cestistico non vuole essere un aggettivo dispregiativo ma che sta ad indicare una pallacanestro tutta intensità e difesa con le mani costantemente addosso all’avversario. Forlì, che al PalaSojourner, aveva palesato estrema sofferenza per questo tipo di basket è stata brava nel gestire ed attaccare gli avversari.

Riportare la serie al PalaSojourner

Ora testa a domenica quando, alle ore 18:00, Forlì è chiamata a pareggiare la serie per tornare mercoledì sera in terra reatina. Servirà l’apporto di tutti, magari anche di Kenny Lawson, questa sera unico non pervenuto praticamente per tutto l’arco del match.

Kenny Lawson un’altra prestazione insufficiente per lui – foto Nicolò Ulivi

I supporters biancorossi potranno munirsi di biglietto direttamente alla biglietteria del Palazzetto già sabato mattina con orario continuato dalle 9:00 alle 19:00.

Pubblicato da Luca Gramellini

Scrivere è sempre stata una passione. Essere apprezzati dipende da noi stessi ma resta un privilegio. Non smettete mai di cullare i vostri sogni. Credeteci sempre e lottate per raggiungerli. Credete in voi stessi. I sogni si avverano.