Crea sito

Inter – Juventus: inchinatevi tutti al Re

L’ indimenticato Gianni Brera lo definì il Derby d’Italia. Oggi oltre ad essere ciò che volle Gianni Brera è anche una sfida tra due acerrime rivali. Da una parte la Vecchia Signora, la più titolata d’Italia, dall’altra la Beneamata.

Dopo un 1^ tempo davvero brutto giocato dagli uomini di Allegri, dove l’Inter ha avuto la meglio in ogni parte del campo, sospinta da una maggior fame e da maggiori motivazioni, è uscita la Juventus sospinta da un Cristiano Ronaldo che con un paio di giocate ha dimostrato tutta la grandezza che solo un grande attaccante può avere. Classe, tecnica, determinazione e continua ricerca della proiezione frontale verso la porta avversaria sono il bagaglio che ne testimoniano la sua incredibile efficacia.

Tutta la San Siro nerazzurra nel corso della prima frazione di gioco lo ha ripetutamente fischiato ed apostrofato al ritmo di “scemo, scemo” e lui, come ha sempre saputo fare, ha risposto con una giocata da stra-campione qual è firmando una rete d’autore a conclusione di un bellissimo triangolo di tacco fornitogli da Pjanic.

Episodi arbitrali

In una gara tutto sommato corretta e ben diretta d Banti di Livorno, da segnalare i mancati gialli nel 1^ tempo ad Emre Can per fallo irruento e gratuito, se pur non cattivo, ai danni di Brozovic, e un giallo a Pjanic per un pestone a un avversario. Nel 2^ tempo, “per par condicio” da segnalare le mancate ammonizioni a Skriniar per un pestone a Ronaldo (secondo fallo in 2′) e a Borja Valero per un pestone ad Emre Can.

Da rilevare

Cristiano Ronaldo, alla sua prima esperienza in Serie A, mette a segno il gol numero 20, il 27esimo in stagione ed il gol numero 600 con le maglie di club. In totale sono 600 gol realizzati in 801 presenze con squadre di club alla impressionante media di 0,75 gol a partita. Semplicemente un mostro, un extraterrestre o più piacevolmente il Re.

Cristiano Ronaldo contro l’Inter ha realizzato il gol numero 600 con le maglie di club – Foto Tuttosport.com

Promossi

Cristiano Ronaldo ed Emre Can i migliori per la Juventus ma una domanda mi sorge spontanea: “Perché deve farsi male Alex Sandro per veder giocare Spinazzola?”

Bocciati

Matuidi e Bernardeschi decisamente sottotono. Alex Sandro al di là dell’infortunio resta insipido ed impalpabile. Cancelo ancora lontano da quello conosciuto nella prima parte della stagione.

Al Giuseppe Meazza finisce in parità 1-1 e il Derby d’Italia divide la posta in palio. Benissimo l’Inter nel 1^ tempo, decisamente meglio la Juventus nel 2^.

Pubblicato da Luca Gramellini

Scrivere è sempre stata una passione. Essere apprezzati dipende da noi stessi ma resta un privilegio. Non smettete mai di cullare i vostri sogni. Credeteci sempre e lottate per raggiungerli. Credete in voi stessi. I sogni si avverano.

3 Risposte a “Inter – Juventus: inchinatevi tutti al Re”

  1. Tolto l’assist, anche pjanic molto sottotono e svogliato..ho visto bene anche pereira..

  2. La juve dell’ultimo mese, mese mezzo è una squadra in grande difficoltà, sicuramente gli innumerevoli infortuni non hanno aiutato, ma questo non giustifica il rendimento della squadra.La verità è che se a questo punto del campionato non avessimo avuto un così ampio vantaggio non so come sarebbe finita.Ronaldo ci ha tenuti a galla, purtoppo da solo non poteva portarci avanti in chempion. Sono convinta che se là savanti avesse avuto altri compagni di squadra avrebbe fatto molti più goal.Siamo sicuri che un Gonzalo Higuain affiancato a Cristiano non sia da prendere in considerazione? Secondo me Allegri che stravede per Marione, in estate ha fatto la scelta sbagliata appoggiando il prestito di Gonzalo.

    1. Gonzalo sarebbe in realtà stato ceduto, poi è successo quello che è successo. Ciò detto non credo che la Juve potesse permettersi anche l’ingaggio di Higuain. Doveva monetizzare e alleggerire il monte ingaggi.

I commenti sono chiusi.