Crea sito

L’obiettività perduta

Prendo spunto dall’ultimo episodio che ha visto coinvolto Lionel Messi nel corso della finalina per il terzo posto della Coppa America 2019 disputata in Brasile.

Inutile girarci attorno e ancor più inutile sminuire la grandezza della “Pulce“, ma l’episodio di cui si è reso protagonista, per rispetto dell’etica dello sport, non gli fa onore.

Per Messi in Nazionale più dolori che gioie

Non tanto per l’espulsione in sé, avvenuta per un “tête à tête” troppo poco amichevole col cileno Gary Medel, quanto per aver disertato la premiazione e lanciato pesanti accuse alla federazione brasiliana.

Messi e Medel espulsi entrambi nella finale per il terzo posto

Ora, se è vero, come è vero, che le prestazioni della “Pulce” con la Nazionale Albiceleste sono state spessissimo ben al di sotto del suo innegabile potenziale e della sua conclamata classe, è altrettanto irritante sentir lo stesso giocatore lanciare quel tipo di accuse. La verità è che Messi è spesso rimasto schiacciato dall’ossessione di non esser mai stato così decisivo come il Messi di Barcellona.

Quello di Barcellona è un altro Messi

E qui entrano in scena i moralisti, o meglio i falsi moralisti, che in passato accusarono Cristiano Ronaldo per aver disertato la cerimonia del Fifa Player of the Year o del Pallone d’oro.

La grinta e la determinazione di CR7

Stiamo parlando dei due più grandi giocatori presenti oggi sul pianeta calcio e di due giocatori più incisivi degli ultimi 12 anni, giorno più, giorno meno. Essere obiettivi significa riconoscere i meriti di entrambi o le pecche di entrambi a prescindere dalla maglia che questi indossino in quel momento. Ma come già scrissi mesi fa CR7 paga la scelta di aver sposato la causa della società più amata e al tempo stesso più “odiata” d’Italia.

Voglio però ricordare a tutti, giornalisti, tifosi ed anche a me stesso il significato della parola obiettività: per obiettività si intende l’atteggiamento di chi vede e giudica persone, eventi, circostanze con realismo e imparzialità, ed è quindi esente da pregiudizî e da passioni personali.

La mia obiettività mi porta a fare questo tipo di valutazione: parliamo di due grandissimi giocatori. Messi per talento e classe purissima è probabilmente un filino superiore a Ronaldo che però reputo più incisivo, determinante e completo.

Sicuramente certi atteggiamenti sono evitabili per entrambi. A prescindere dai colori, dal tifo e dalla passione.

Pubblicato da Luca Gramellini

Scrivere è sempre stata una passione. Essere apprezzati dipende da noi stessi ma resta un privilegio. Non smettete mai di cullare i vostri sogni. Credeteci sempre e lottate per raggiungerli. Credete in voi stessi. I sogni si avverano.